Il centro civico

Lo stabile è stato edificato nel 1962 nel complesso del quartiere Ina Casa: Villaggio Portazza. Si proponeva come Centro Civico: l’intento era quello di integrare fra di loro gli assegnatari degli alloggi attraverso un processo di socializzazione, condivisione e partecipazione che avrebbero preso vita proprio negli spazi del centro.

L’insediamento del villaggio, quando fu costruito, si collocava in posizione del tutto decentrata rispetto al centro

urbano, come era nelle logiche di insediamento dei quartieri Ina Casa. Oggi invece, il villaggio è stato completamente assorbito dal tessuto urbano; il Centro Civico ha  pertanto la possibilità di proporsi come servizio all’intero Quartiere Savena.

L’architettura riflette pienamente l’idea iniziale; si offrono  spazi che favoriscano l’aggregazione, la concomitanza di attività diverse e la flessibilità nella loro fruizione.

Scopri di più sull’edificio e sul suo architetto >

Il processo spontaneo

INstabile è un’iniziativa che nasce alla fine del 2014 nell’estrema periferia est di Bologna dove un gruppo di cittadini conosciutisi grazie alla locale Social Street si è autonomamente attivato per recuperare l’ex centro civico del Villaggio abbandonato da 30 anni. 

Questo gruppo informale di cittadini con il supporto dell’Associazione Pro.Muovo, la collaborazione dell’Associazione Architetti di Strada, il supporto di Coop  Adriatica e in sinergia con l’amministrazione locale, ha avviato un processo di coinvolgimento allargato dei cittadini del territorio con un laboratorio di co­-design partecipato. A questo, durato 6 mesi, hanno preso parte circa 200 cittadini e 30 organizzazioni del territorio, e al suo interno sono stati definiti un progetto di recupero e un modello d’uso futuro dell’edificio, chiamato Community Creative Hub (CCH).

I nostri valori

INstabile sogna_testo

 Relazioni collaborative, inclusività e valore generato dal confronto tra visioni differenti.

 Città dove la rigenerazione delle periferie passa attraverso il recupero di edifici in disuso, per farne nuovi spazi di aggregazione e contaminazione

 Occasioni perché le persone crescano nelle proprie capacità attraverso le relazioni con gli altri.

INstabile è_testo

 Un esempio di rigenerazione: da spazio abbandonato a bene comune al servizio del territorio grazie alla cura dei muri e delle relazioni

 Una “piazza di quartiere”: un catalizzatore di saperi, persone e attività differenti che basa il proprio valore sulla condivisione degli spazi.

 Uno spazio permanente di discussione e partecipazione dove, chi ne condivide i valori, può esprimersi liberamente.

 Un processo innovativo e sperimentale.

INstabile fa_testo

 Promuove la collaborazione tra persone e associazioni per progettare, sviluppare e realizzare attività sociali, culturali e ricreative.

 Mette a disposizione gli spazi a persone o associazioni che ne condividono la visione, responsabilizzando chi ne fa uso.

 Accoglie attività artistiche, artigianali, di welfare, sociali e formative che riconoscono e rispettano i suoi valori.

I Partner

Sostieni

Se vuoi sostenere INstabile Portazza puoi farlo effettuando un bonifico bancario sul nostro C/C presso Banca Etica intestato a PRO.MUOVO Associazione

IBAN     IT51O0501802400000011712692

BIC     CCRTIT2T84A

sostieni

Partecipa

Ogni 2° e 4° mercoledì del mese dalle 19:00 alle 21:00 si terrà l’assemblea di gestione e organizzazione delle attività. Hai un corso, un evento o un’attività che vuoi organizzare ad INstabile oppure vuoi partecipare alla sua organizzazione vieni l’assemblea è aperta a tutti.

Se hai un progetto di un corso o di un evento da proporre ti chiediamo di compilare la breve scheda che trovi qua sotto:

scheda progetto in formato  .pdf
Modello verbale assemblea .doc.pdf
Scrivici